giovedì 21 giugno 2012

Polpettine di ceci neri e melanzane con ketchup smart



Ingredienti per circa 30 polpettine:
2 melanzane medie
200 gr di ceci neri secchi
buccia e succo di mezzo limone
curcuma
zenzero fresco o in polvere
paprika dolce
sale
sesamo
olio extravergine 

Per il simil-ketchup velocissimo:
8 cucchiai di concentrato di pomodoro
2 cucchiai di aceto balsamico
2 cucchiai di zucchero di canna
sale 

"La cucina per me non è solo un luogo. E' un luogo di culto.
Mi ci reco ogni giorno. Ci compio dei rituali. Ci faccio delle adorazioni. 
E ci prego. 
Soprattutto quando in forno ho un soufflè. 
Quando invece ho gente a cena posso anche arrivare a compiere delle danze propiziatorie. 
La cucina è anche un amica. A volte più facile da gestire. 
Non ribatte quando le urli addosso. 
Non si lamenta quando la sporchi con il sugo. 
Non grida quando le rovesci addosso il caffè bollente. 
Non ti denuncia quando la pesti con un batticarne. 
Non si offende se la trascuri e ti ascolta sempre in silenzio senza interromperti.
E poi la cucina è il mio rifugio. 
Da piccola lo era la tenda degli indiani fatta con un lenzuolo appeso ad un albero in giardino. 
Poi lo è diventato la mia cameretta con il cartello "keep away" sulla porta. 
E poi crescendo lo è diventato la cucina. 
Che da quando non vivo più sola dev'esser rigorosamente abitabile per necessità di sopravvivenza. 
La mia.
La mia cucina ora è il nido in cui posso rifugiarmi quando ho bisogno di decomprimermi. 
E' il mio laboratorio in cui posso far confluire le mie energie e la mia creatività. 
Ma è anche, e soprattutto, il luogo in cui posso solo stare ferma. 
Seduta in silenzio sullo sgabello. 
A guardare fuori dalla finestra. 
Mentre aspetto che cuociano i biscotti. 
Senza bisogno di fare nient'altro." 

Questo microracconto lo trovate anche sul blog della LUBE, che gentilmente mi ha chiesto se volevo dedicargli una ricetta e parlare un po' del mio rapporto con la cucina, cosa che ho fatto volentierissimo.

Per preparare invece queste ottime polpettine procedete come segue:
mettete in ammollo i ceci e lessateli come da istruzioni (i miei necessitavano 2 giorni di ammollo e 2 ore di cottura).
Due. Giorni. Sì. Avete letto bene. Pratici, comodi e veloci. 
Ai 4salti in padella gli fanno una pippa.
Cioè praticamente devi decidere cosa mangiare con tre giorni di anticipo e sperare non capitino contrattempi perchè se poi qualcuno nel frattempo ti invita a cena sei fottuta.
No guarda scusami ma ho i ceci in ammollo, mi spiace, magari la prossima volta avvisami con un po' più di anticipo, ok??! Grazie. 
E tra l'altro non so nemmeno come io sia riuscita a non dimenticarmene. Io. Che non mi ricordo manco cos'ho mangiato ieri.
Cioè, in realtà lo so, dato mi son dovuta mettere il promemoria sul cellulare alla scadenza dei due gironi. Perchè per esperienza già la mattina dopo davanti alla ciotola dell'ammollo sarei rimasta lì inebetita a pensare da quanto tempo fosse lì.
Uhm. Ma da dove arrivano questi ceci? Ma li ho messi io? Ma ieri o l'altro ieri? No forse due giorni fa. O forse ieri mattina?? Ma non è che è uno scherzo? Mumble mumble.
Per questa ricetta ovviamente potete usare pure quelli gialli, che secondo me hanno lo stesso identico sapore.
Ah, anche quelli in scatola volendo. Al massimo dopo andate a confessarvi.
Procedete lavando le melanzane. Bucherellatele con una forchetta per evitare esplodano nel forno e cuocetele a 200 gradi per una ventina di minuti fino a quando saranno morbide.
Taglietele a metà, prelevate la polpa con un cucchiaio e mettetela in una ciotola.
Aggiungeteci i ceci lessati e tutte le spezie.
Frullate il tutto con un minipimer.
Formate con le mani inumidite delle polpettine della grandezza di una polpettina (chiaro no?) e rotolatele nei semi di sesamo.
Disponetele in una teglia foderata con la carta da forno. 
Irroratele con un filo di olio extravergine e cuocetele a 200 gradi per circa 10 minuti.
Per il simil-ketchup mettete in un pentolino il concentrato di pomodoro. Aggiungeteci l'aceto, lo zucchero e un pizzico di sale. Fate bollire per un paio di minuti.
Fatelo raffreddare e servitelo come accompagnamento alle polpettine.

Con questa ricetta sana, veloce, leggera, speziata e vegana partecipo al contest di VerdeCardamomo "La Ricetta del benessere".



50 commenti:

  1. Che dire?
    1) Il tuo racconto mi ha fatto ridere ma mi ha anche commosso.
    2) Il tuo blog per me è il blog dell'anno, sei un talento!
    3) hai usato i ceci neri che ho preso giusto giusto la mattina che ci siamo conosciute (anche se per loro avevo altre idee) e la ricetta è sfiziosissima.
    4) sei nata per scrivere.
    5) mi fai sempre ridere!!
    Vuoi che continui? :-)
    BRAVA BRAVA BRAVA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robi ti prego, posso tenerti sul comodino??? Dai per favore, la mia autostima te ne sarebbe eternamente grata :))

      Elimina
  2. Sicura che se la tua cucina avesse la parola non si lamenterebbe mai, nemmeno col caffè bollente? Dai scherzo :) MI è piaciuto tanto il tuo racconto e mi sono riconosciuta in quel considerare la cucina come un rifugio. Anzi, l’unico rifugio che mi permette di evadere da tutto il resto ed essere in pace on me stessa. Sfiziosissima idea per usare i miei ceci neri. Stasera filano dritti in ammollo :D! Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non saprei ma a questo punto SPERO non abbia mai la parola, altrimenti poi chi la sente quella?? :D
      eh si, per noi che amiamo cucinare è proprio il nostro nido.. :)
      buona giornata anche a te :)

      Elimina
  3. I am back!
    Meravigliose queste polpettine e il tuo racconto mi ha di nuovo fatta ridere! AHah ma cosa ti viene in mente di fare i ceci neri con 40 giorni di preparazione? Cioé per la serie: "Giovanni volete venire a cena tra un mese esatto??" ahahah :)Grandiosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credi che mi sono accorta dei tempi di ammollo solo dopo averli comprati??
      Sono irrecuperabile :)

      Elimina
  4. che buone le tue polpettine! molto gustose, complimenti :D

    RispondiElimina
  5. Oh Vale buongiorno! ma qui da te si cade sempre per terra dal ridere? mi devo preparare sai?...hhahahha sei troppo forte! beh i ceci buoni, quelli che ti danno la soddisfazione vanno tenuti in ammollo e io preferisco quelli alla confessione;O ottimo l'abbinamento ceci e melanzane, bellissima la presentazione e molto sentito anche il racconto della tua cucina.. mi ci sono rivista... veramente brava! un bacione e buona mattina!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simona e ribenvenuta!!
      magari non si cade sempre per terra ma ci provo :))))
      a presto e ormai buona serata ;)

      Elimina
  6. Ma dov'eri nascosta tu???? Hai un blog fenomenale!!!! Quanto mi piaceeeee!!!!!! Ti ho inserita nella mia blogrolls!!!! Spettacolo queste polpettine, per non parlare dei biscotti visti sotto e delle foto...meravigliose!!!! Complimentissimiiiiii!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kiara e benvenuta!! Eheh, ero nascosta bene :))
      Grazie mille!

      Elimina
  7. sai che ti avevo beccata di là già ieri sera???... che mica lo so com'è che avevo deciso di fare una capatina... mah.
    comunque ho preferito aspettare il post di oggi qui da te e intanto godermi quasi la sensazione di leggere in anteprima assoluta un bel racconto. perché la ricetta è bella, ma il racconto di più.
    magari un giorno mi racconti com'è che cucini e che scrivi così.

    baciii
    r

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)) guarda, in realtà non lo so ancora manco io. perchè la cucina va beh, è una passione, ma lo scrivere proprio no..sarà che forse ho assorbito una piccola parte dei libri che mi divoro? :)

      Elimina
  8. La cucina è un rifugio e una camera di decompressione per molti di noi, ma pochissimi lo sanno descrivere bene come te :D
    Ho fatto delle polpettine simili con le fave l'anno scorso: uan tira l'altra ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Milen@!
      mmmm buone con le fave...rischierei davvero di non riuscire a smettere :)

      Elimina
  9. no, cioè.. DUE GIORNI!!?!?!?!!? potrei non farcela, assolutamente......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh in effetti anche io pensò li rifarò tra mooooolto tempo :)

      Elimina
  10. E' da ieri che voglio leggere e commentare e ce la faccio solo ora: veloce eh? :P
    Comunque eccomi qui per dirti che il tuo racconto è splendido, la ricetta mi piace moltissimo e il modo in cui l'hai spiegata mi ha fatta sbellicare! :D
    Un bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :))) grazie Elisa! quando passi mi fa sempre piacere :))

      Elimina
  11. E' già stato detto tutto quello che volevo dirti io nei commenti
    precedenti. Che posso dirti io......sei super simpatica e mi piace anche il modo con cui presenti i tuoi piatti.
    Brava.
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luisa! sono davvero contenta che ti piaccia :)

      Elimina
  12. Sapevo che con te mi sarei fatta grosse grasse risate! Anche se questo è un mondo virtuale non so perchè ma il sesto senso, la simpatia a pelle funziona...ci si azzecca!
    p.s. quando tornerò in Italia (perchè tornerò) passo da te e ti porto il ramandolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh è reciproco!!!
      caspita ti aspetto a braccia aperte, il mondo virtuale è più bello quando diventa reale :))
      e chissà magari prima o poi farò io un giretto in Australia :)

      Elimina
  13. ciao
    ho trovato il tuo blog per caso e ne sono felice perchè vedo tante cose buone buone da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosa e benveuta!! Ora vengo subito a dare una sbirciata ;;))

      Elimina
  14. ahahahaha!! Hai cambiato l'header! Ma li disegni tu? :-) Ciauuuuuu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :DD sisi ho pensato fosse il caso di dare un ambientazione aggiornata al pollo :D
      si li faccio io, sto imparando un pochino ad usare la tavoletta grafica ma sono ancora in alto mare :)

      Elimina
  15. il tuo racconto sulla cucina mi piace dall' incipit alla fine... è semplice, diretto, leggero, intenso, straordinariamente vero, scritto da chi la cucina la vive, la ama...
    e cose come queste polpettine sono la risposta della tua cucina..
    mi garba un monte questo post!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima!
      e che bella è l'espressione "mi garba un monte"??? :))

      Elimina
  16. Bravissima e bellissimo blog...me lo ero perso!!! Mi piacciono mi piacciono queste polpette e poi il sesamo lo adoro!!! In bocca al lupo e grazie per aver partecipato. Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Claudia!! E grazie a te ;)))

      Elimina
  17. Vale, io te lo dico credo dal primo post... sei veramente speciale. Non voglio dire altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e tu mi fai sempre arrossire :)))
      grazie e un bacio

      Elimina
  18. già viste sul blog lubE SOno bellissime e mi fai venire voglia immediata di provare il tuo ketchup!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caris! come salsa non è male, non ha i sapori complessi del ketchup ma ci vogliono davvero 2 minuti, il che non è mai male ;)

      Elimina
  19. ma queste polpettine sono la fine del mondo!!! davvero, oltre che bellissime (e fotografate meravigliosamente, complimenti!!!) devono essere buonissime! che brava!!!

    RispondiElimina
  20. eccomi!!! fantastica questa tua ricetta. ma il racconto? no giuro, condivido al 100per100. e poi l'header! sbaglio o è comparso un ventilatore?? :) non è che per caso fa caldo? :) bacino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sisisi ho cercato di rinfrescare anche il pollo :)))

      Elimina
  21. ..un passaggio veloce per dirti due cose: 1) ti nomino ufficialmente vincitrice del premio "versatile blogger"; 2)la prox ricetta che posto la posso introdurre con il tuo racconto?? Ovviamente nel pieno rispetto della legge sul diritto d'autore:)

    RispondiElimina
  22. ma perchè non vedo il mio ultimo commento??????????????? spero vivamente tu l'abbia ricevuto perchè di riscrivere tutto il brodo non ci ho p....!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara in effetti non lo so!! mi è arrivata la mail ma qui non lo vedo nemmeno io! ho aspettato x vedere se si aggiornava ma nada. comunque non è la prima volta che mi succede, mi sa che blogger a volte si magna i commenti :)
      fortunatamente non ho cancellato la mail :D
      ora lo copio

      Elimina
    2. eccolo:
      ..un passaggio veloce per dirti due cose: 1) ti nomino ufficialmente vincitrice del premio "versatile blogger"; 2)la prox ricetta che posto la posso introdurre con il tuo racconto?? Ovviamente nel pieno rispetto della legge sul diritto d'autore:)

      Elimina
    3. allora per la prima: grazie!!!! ora vengo a vedere come funziona :))
      per la seconda invece ci mancherebbe! è un onore!! :)))
      baci

      Elimina
  23. Ah, però, ci stiamo dando da fare eh?
    Splendide le parole, incarni il pensiero di tante...ps. l'header è carinissimo e ti si addice proprio!!
    Ps2 Non diventare mai un blog serio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, mi ero persa sto commento :))))

      Elimina
  24. Il tuo blog lo vedo solo ora e devo dire che mi piace tanto tanto! quindi ti saluto e prendo le polpettine, deliziose e bellissime!! buona giornata

    RispondiElimina
  25. Ti sei unita ai miei sostenitori!!!! Grazieee, onoratissima:-) grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sisisiisii mi hai conquistata con la storia delle spezie ed ingredienti strani :)))

      Elimina