domenica 31 marzo 2013

Un ingrediente per due: le ulive schiacciate



Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi.
E infatti io son qui.
Dopo le pulizie e prima di ammazzarmi di cioccolato.
E al posto che propinarvi la solita colomba, parleremo invece di ulive schiacciate, tipica ricetta Calabrese.
Che non c'entrano niente con la Pasqua, ma ci piacciono tanto.
Quest'oggi sarò breve, che mi sono già sforzata troppo con la scheda.
Anche se per fortuna il grosso è stato fatto da....da? Come lo chiamiamo?? Il Lui, il Commensale, il Comandante Amigo son già stati presi, quindi a me cosa rimane???!
La Povera Cavia.
Ecco, bene. La Povera Cavia ci piace (almeno a me, a lui forse un po' meno. Lui inteso come lui e non come Lui ovviamente, anche se possiamo sempre chiederglielo).
Ecco, dicevamo appunto che la Povera Cavia, essendo Altoatesino, si è occupato della scheda.
Ed ora io, per non rubarvi altro tempo prezioso, ve la lascerò leggere.

(Scherzo, in realtà è tardi, ho il timpanu in forno (altra tipica ricetta Calabrese dei giorni di festa, piatto light e leggero come solo quelli Calabresi sono rinomati di essere, composto da bucatini conditi con sugo di soppressata, uova sode, uova sbattute per tenere insieme il tutto, polpettine di maiale fritte e fette di provola, il tutto stratificato con intervalli di parmigiano reggiano e cotto in forno. 
E se credete che questo sia il piatto unico di oggi vi sbagliate, perché Pasqua non sarebbe Pasqua senza uova sode e lattughino di antipasto, un po' di agnello al forno con patate e un pezzo di colomba con la crema. Ma d'altronde è o non è giorno di festa?? Il resto dell'anno, a parte la Vigilia Natale Santo Stefano l'Epifania il mio compleanno le feste comandate le domeniche i compleanni di amici e parenti il 1 maggio il 25 aprile ferragosto tutti i santi tutti i morti, sono a dieta, quindi fanculo, oggi dovrò pur mangiare come si deve. Vorrete mica mi lasci morire di fame vero?).

Ecco quindi la scheda delle ulive schiacciate:

"L’ulivo, o olivo, è una pianta millenaria originaria dell’Oriente. 
E’ una pianta da frutto sempreverde che vive in climi temperati e a non più di 800 mt di altitudine, poichè teme le gelate. 
Inizia a fruttificare verso il 3-4° anno di età, diventa pienamente produttiva verso il 10° ma raggiunge la maturità solo dopo il 50° (come succede un po’ anche agli uomini, intesi come genere maschile) 

Nel mondo esistono oltre mille cultivar d’olivo riconosciute ed almeno 500 sono presenti in Italia. 
Queste varietà si possono dividere in tre gruppi principali:

- da olio 
- da mensa 
- duplice attitudine 

Le cultivar da olio producono frutti di una dimensione medio piccola e con una resa più elevata mentre quelle da mensa producono olive più grandi e più polpose e quindi più adatte al consumo diretto. 
Quelle a duplice attitudine invece sono come il nero: vanno bene con tutto. 

Le olive nascono in estate, quando la maggior parte dei fiori d’ulivo sono caduti e sono rimasti sui rami solo i pochi fecondati. 
Crescono in autunno e in base alle temperature e alle piogge, lo fanno tanto o poco o il giusto. 
Se il clima è troppo secco l’uliva rimarrà piccina, con poco olio all’interno. 
Se il clima è troppo umido l’uliva assorbirà troppa acqua ed avrà comunque poco olio all’interno. 
Un po’ come dire che qualunque cosa fai, dovunque te ne vai, sempre pietre in faccia prenderai. 
Ma se invece il tempo sarà giusto, non troppo caldo e non troppo freddo, non troppo umido né troppo secco, le ulive saranno perfette. 

E da metà ottobre, quando inizieranno a cambiare colore e a maturare, partirà la raccolta, che potrà protrarsi fino a dicembre, sempre a seconda del tempo. 
Per le ulive da tavola classiche si usano quelle ancora totalmente verdi, mentre il momento ideale per raccogliere quelle da olio è quando il frutto è un po’ verde e un po’ viola, ovvero quando è maturo ma non troppo, perché altrimenti una maturazione eccessiva darà un olio con un’acidità troppo alta. 
Quelle invece che si mangiano completamente nere sono quelle raccolte a fine maturazione. 

Man mano che le olive verranno raccolte con i vari metodi (il migliore rimane ancora quello manuale, che permette un totale controllo dei tempi di maturazione), il raccolto verrà portato al frantoio per produrre l’olio, oppure verrà trasformato per il consumo diretto. 
E chi di voi ha provato ad assaggiare un’oliva direttamente dalla pianta sa quanto queste necessitino, prima di essere gustate come si deve, di una forte deamarizzazione. 

In questa occasione ci occupiamo solo di una tipica lavorazione e trasformazione Calabrese ovvero: le ulive schiacciate (in dialetto ammaccate). 
Questo lungo e laborioso processo inizia ad ottobre con la raccolte delle ulive quando sono ancora verdi. 
Una volta raccolte, le ulive vengono poi prese una per una e gli viene tolto il nocciolo (ùasso, in dialetto). 
Un tempo questo lavoro veniva fatto con una pietra di fiume tondeggiante mentre oggi si usa un semplice batticarne (anche se qualcuno continua ad utilizzare il metodo tradizionale). 
Le ulive schiacciate vengono poi messe in un recipiente pieno d’acqua e limone. 
L’acqua servirà a far perdere loro l’amaro mentre il limone servirà a mantenerle verdi non facendole ossidare. 
E da qui per una volta al giorno, per almeno 15 giorni, le ulive dovranno essere scolate e l’acqua cambiata. 
Una volta perso l’amaro, si potranno finalmente invasare molto ben pressate, in vasi sterilizzati insieme a sale, aglio e finocchietto selvatico e si potranno gustare dopo una decina di giorni di riposo."


E ora qui di seguito la mia ricetta e qui invece quella di Serena:



Ingredienti per 6 cestini:



6 cucchiai abbondanti di parmigiano grattugiato
500 gr di yogurt bianco intero (o 300 gr di caprino)
la buccia grattugiata di due arance
un pizzico di pepe rosa
qualche uliva schiacciata

Qualche ora prima di preparare i cestini mettete lo yogurt in un telo pulito ed appoggiatelo su di un colino o un colapasta per fargli perdere l'acqua (anche il giorno prima).
Quando sarà sufficientemente sodo, tipo del caprino, (ma se state usando il caprino questa info non vale) mischiateci la buccia grattugiata delle arance.
In una padella antiaderente ben calda versate un cucchiaio di formaggio grattugiato per ogni cestino. Quando sarà bello sciolto e i bordi inizieranno a dorare, levate la padella dal fuoco ed aspettate un paio di minuti che inizino ad intiepidirsi le cialde. Tiratene poi su una alla volta ed appoggiatela su di un bicchierino rovesciato (tipo quelli da liquore).
Dategli un po' di forma con le mani e se serve impilateci sopra un altro bicchiere.
Fate raffreddare e, se non vi servono subito, conservateli in frigo in un contenitore ermetico.
Se invece ve li volete magnare subito, con una sac a poche squizzateci dentro una noce di yogurt denso, appoggiateci un'uliva e sparpagliateci un po' di pepe rosa.
Tenete conto che con il passare delle ore la cialda si smolla, quindi farcitela poco prima di servire.

Ah, ovviamente, tanti cari auguri di Buona Pasqua a tutti voi.

44 commenti:

  1. Ciao Vale! :) Questi cestini sono stupendi, reffinati e stuzzicanti... mi piacciono un sacco! Salvo la ricetta, ottimo finger food (se non si fosse ancora capito, io amo i finger food! :D)! Un abbraccio forte e tanti auguri di buona Pasqua :) :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima! un bacione e tanti auguri (in ritardo) anche a te! :**

      Elimina
  2. quanto sono carini quei cestini...ovviamente sono di parte ma il Parmigiano rende tutto speciale ^_^
    mille auguri!!!

    RispondiElimina
  3. una ricetta molto sfiziosa con grade creatività

    RispondiElimina
  4. ecco...il mio mio compagno sarebbe calabrese...com'anche la sua mamma, suo padre, sua sorella...ieri tutti appassionatamente a pranzo da me, con le ulive nell'antipasto! che meraviglia la tua ricetta, appena posso gliela faccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeeee!! ma veramente??? ecco un altra cosa che abbiamo in comune.
      Uh mamma, allora quando ho bisogno di sfogarmi e di sostegno posso venire da te??? :)

      Elimina
    2. vale, tesoro del mio cuore, puoi venire da me, sfogarti senza remore e insieme piangeremo e rideremo e avremo voglia di ricominciare...due pazze praticamente, ma tanto felici! :D

      Elimina
  5. Non posso che unirsi a questo blog e seguirti costantemente.....complimenti per Fhreef....è già in primo piano sul mio blog....superlativa...!
    Piacere di conoscerti.
    Gabila!

    RispondiElimina
  6. bello. ora però passo da me.
    ;) abciotti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ps comunque Serena le ulive (che qui chiamiamo normalmente olive) le mangia appena raccolte dall'albero :)

      Elimina
    2. Mi ha tratta in inganno, quando ancora pendevo dalle sue labbra e mi faceva credere qualsiasi cosa. La prima era terribile, ma Comandante Amigo me l'ha spacciata per "acerba"... e ovviamente l'ho riassaggiata... Cribbio: mi ha fregata.

      Elimina
    3. hahahahaah
      meno male che ora non sei più una piccola bimba ingenua :)

      Elimina
    4. probabilmente se ricapitasse un'altra occasione le mangerebbe di nuovo!

      Elimina
    5. PS: io mangio le olive nere FRESCHE saltate in padella con un po' di sale. Me lo hanno insegnato e sono buonissime (e amare)

      Elimina
    6. siiiiiii! anche gggiù si mangiano quelle nere fritte quando si ammazza(va) il porco!
      ma io non le ho ancora provate.
      carenza di porci.

      Elimina
  7. interessantissimi, mi sono unita ai tuoi lettori così non ti perdo.Ciao

    RispondiElimina
  8. Io purtroppo detesto le olive con tutta me stessa, ma tu con le tue foto renderesti appetibile anche un topo morto.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pazza. come puoi detestare le olive????

      ricambio l'abbraccio :)

      Elimina
  9. Bello l'header in versione playboy!! Sei troppo blasfema

    RispondiElimina
  10. Ulive o olive (da noi seconda versione) me ne mangerei a tonnellate. E quel formaggino nel cestino invita proprio ad andare a pranzo...
    Famefamefamefame

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarai mica ulivadipendente???
      dobbiamo cercare un centro di disintossicazione.
      ;)

      Elimina
  11. Ho appena finito di sfogliare il vostro progetto, ne sono rimasta incantata, vi ammiro per il risultato ottenuto all'altezza dei più noti testi culinari che puntano anche al mondo odierno che ci circonda! Non conoscevo nessuna di voi..così lascio ad ognuna questo messaggio perché ho proprio sentito la necessità di complimentarvi! Continuate così..sarò sempre tra i vostri lettori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Annalisa, non sai quanto sono contenta di questo tuo messaggio :)

      Elimina
  12. Poi un giorno mi racconterai i tuoi legami con la Calabria perché dietro credo che ci sia una bella storia.
    Questo post sarebbe perfetto nella nostra rubrica dell'extravergine. E brava la mia polletta/coniglietta...ti abbraccio fortissimo, e scusa l'assenza. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu ti dovessi scusare, io mi dovrei crocifiggere.
      Passo da te ogni giorno, leggo e non commento.
      Mi vengono solo frasi banali.
      Che capra.
      E mica a te.
      :)
      ti stritolo

      Elimina
  13. Ciao, ti ho scoperto, linkato e premiato in questo post:
    http://blog.giallozafferano.it/undolcesalato/il-liebster-award-anche-a-me/
    Spero ti faccia piacere… Sandra

    RispondiElimina
  14. Passa sul mio blog, c'è una sorpresa per te!

    RispondiElimina
  15. Non le conoscevo, ma mi sembrano davvero molto invitanti, la presentazione è super!

    Anna Luisa

    RispondiElimina
  16. Ciao, arrivata qui per caso.....inseguendo dei Grisbì....ho deciso di approdare!
    Giulia

    RispondiElimina
  17. La tua ricetta è da me, anzi super da me. Super inteso che mi piace, sono a dieta anche io, ma sgarro nei giorni da te sopracitati e in altri 342 (infatti sono sempre a dieta e seguo tante diete contemporaneamente giuro: senza carboidrati, senza grassi, con gli zuccheri, con il vino, con le patate... esatto, le seguo tutte e nessuna proprio!). Il mio ragazzo guarda appassionatamente una cavolata di film, che dopo tanto criticare i miei 'mappazzoni' psicologici, proprio non mi sento di dargli soddisfazione e condividere. Vorrei avere più spesso la 'forza' di staccarmi dalla routine e immergermi nei mie blog, e in quelli come il tuo: troppa soddisfazione! Ps. per lavoro so che sei su, su, su nelle classifiche, chissà di non conoscerci ad un evento cui ti ho subitissimamente fatta invitare, mi piacerebbe davvero incontrarti. E se no, magari un aperitivo in due, lavoro ostracizzato e assente? Non voglio vendere nulla, giuro!!! Ho blogger che possono testimoniare :)
    A presto, qui o dal vivo.
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari!! Ma grazie!!! Ma magari!!!
      Mi sa che abbiamo un po' di cose in comune...
      Quindi urge un incontro.
      A rischio di dover diventare acquirente folle di surgelati ;))

      Elimina